Siccome vivo all’estero, pecco di non conoscere a menadito tutti i personaggi di prim’ordine del movimento leghista, immaginiamoci quelli di secondo o terz’ordine. Venuta a conoscenza delle ignobili esternazioni della consigliera Valandro mi sono premurata di ricercare notizie sulla soggetta. La notizia è solo una, quella di oggi, una notizia agghiacciante che non lascia neanche un minimo spazio al compatimento normalmente riservato alle menti palesemente non in grado di intendere e di volere. Spinta da profondo buonismo, mi accingo a ripercorrere le tappe raziocinanti della consigliera (il buonismo consiste nell’immaginare che in tutto questo ci sia una parvenza di raziocinio). Partendo dalla premessa che i marocchini siano in ogni caso potenziali violentatori e posto che i marocchini hanno la pelle di colore, la ragioniera del crimine manifesta una teoria secondo la quale ognuno deve violentare i propri simili. Secondo uno schema di calcolo che va molto di moda ultimamente, quando un fatto di cronaca colpisce il semplice cittadino, automaticamente ne è responsabile la persona che riveste una carica politica in opposizione. So che è chiaro, ma visti i soggetti che ci sono in circolazione, meglio ampliare: se io sono leghista e penso che i marocchini siano tutti violentatori, tu che difendi l’integrazione e che per giunta sei di colore, per forza ne sei il / la responsabile e ti meriti di subire le conseguenze della convivenza con i marocchini. Tutto qui. Sconcertante, ma è tutto qui. Un “ragionamento” semplice e pratico, senza “se” e senza “ma” che la Lega propina da anni convinta di avere di fronte menti semplici e pratiche che capiscono e vogliono ascoltare solo ragionamenti semplici e pratici. Insomma, quando una consigliera Valandro spara una cazzata, ci insulta automaticamente perché pretende che la nostra capacità di comprendonio si situi a livello della sua (al grado zero, o poco più). Sempre sull’onda del mio innato buonismo annasperò in un tentativo di comprendere il background della Nostra. Alcune generazioni passate devono aver subito una rara sindrome di cristallizzazione dei neuroni con conseguente svuotamento della capacità cognitiva e gravi conseguenze a livello di capacità di analisi, creatività e sviluppo. Tale sindrome è silente fino a quando uno strano scherzo del destino, o forse l’evoluzione della civiltà che porta ad offrire a tutti pari opportunità, non ti colloca in un posto di responsabilità, o comunque in una posizione di rilievo della società. E tu, che sei rimasto con la testa di un feudatario medievale, ti trovi a dover far fronte a situazioni di migrazioni, che ci sono sempre state e sempre ci saranno, in una società che si avvia verso il 3000. E cosa fai allora? Il poco che sai fare: tirare fuori la zappa e correre dietro agli “invasori”.

C’è anche un altro piccolo dettaglio, una minuzia in verità: la Nostra è di sesso femminile ma si nota che per guadagnarsi i voti ha frequentato assiduamente le peggiori osterie del triveneto, quelle in cui la concentrazione testosteronica produce un fermento di partite  a carte, ombre di cabernet e bestemmie. La concezione del sesso di questi filosofi della scopa non va oltre la sana eiaculatio di sfogo. Questo è l’unico panorama in cui lo stupro è concepibile come fatto e assume persino delle sfaccettature: c’è lo stupro da provocazione (la solita minigonna), lo stupro rivendicativo (io sono il forte della situazione), lo stupro razziale (io bianco tu negra e viceversa) e, forse l’accezione Valandro, lo stupro vendicativo (tuo cugino ha fatto male a mia sorella, allora io faccio male a tua cugina e via dicendo). Lo “sfogo in un momento di rabbia” della Dolores è apparentemente poco complesso, ma mescola in verità varie delle suddette categorie mettendo in luce una mente la cui brillantezza illumina quanto una torcia elettrica con le batterie quasi scariche.

Mi domando quanto avrà sudato la Dolores per conquistarsi il suo posticino al sole… ma poi penso al Trota e credo che dopotutto almeno in quel caso, la lotta sia stata ad armi pari. (n.z.b.).

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...