Pennini mozzi

Ma pare che sia colpa delle femministe Per mia fortuna sono pochi i comportamenti vessatori di cui sono stata testimone e quasi sempre di mezzo c’erano festa, alcol in abbondanza e una certa stanchezza che rende irritabili le persone. La peggiore nella mia classifica personale è senz’altro una certa discussione coniugale degenerata in percosse in…

Chanel victims

Chanelvictims L’algoritmica ribellione delle pupe del capo Da un pianeta che evidentemente non è lo stesso in cui vivono i comuni mortali ci giunge notizia di un plotoncino di bellone dalle turgide labbra che si cimenta nella distruzione a suon di sforbiciate di agognati prodotti, dicasi borsette dal valore medio di 5.000 Euro. Vivendo le…

Un giorno Putin morirà

E non avremo imparato nulla Non so se si tratti di una beffarda coincidenza, ma subito dopo i servizi sull’”operazione militare” in Ucraina, scorrono sullo schermo televisivo le immagini di Ben Affleck nella sua interpretazione di Batman in Justice League. L’umanità che vi si rappresenta si muove in un’ambientazione post-atomica in cui imperano violenza, sopraffazione,…

Silenzio e luce

Tra le cose belle che succedono nel mio lavoro di traduzione ci sono i libri d’arte. Lo sforzo è grande, ma è compensato dalla grazia e semplicità di opere che troppo spesso vengono propinate fuori contesto per cui l’occhio moderno, abituato a ingoiare milioni di fotogrammi al secondo e che raramente si prende il disturbo…

Il velo di Qahera

Superpoteri vs colonialismo culturale Qahera, ovvero l’eroina di DEENA MOHAMMED, che di fatto si chiama come la sua città di origine ( “Al-Kahira” cioè Il Cairo), è una specie di Batwoman che ci mette cinque secondi a montare in bestia nel momento in cui una tipica affermazione patriarcale di stampo religioso, o semplicemente testosteronico, giunge…