Dell’incontro tra la Ninfa e il Semidio. La Ninfa Feroce del Bronx, in un parossismo di timore e ritrosia non cede all’imponenza del Semidio Gran Can di Francia che le si presenta in sembianze adamitiche e che ella non riconosce. Il Semidio viene saettato dall’Iperdio che gli mette gli opportuni ceppi per frenarne l’esuberante virilità. Il Semidio tuttavia è difeso da degli scagnozzi efficentissimi che stanno già preparando un dossier sulla ninfa che includerà analisi del sangue e pap-test degli ultimi tre anni. Per il momento gli implacabili scagnozzi hanno appurato che: A) la Ninfa è munita di serie di culo e tette, è vero che sono di serie, ma resta comunque un dettaglio passibile di risvolti quantomeno controversi. B) la Ninfa ha copulato come minimo un paio di volte in vita sua visto che ha due figli, si sospetta licenziosità dei costumi. Gli scagnozzi hanno avuto uno stringimento scrotale nel momento in cui si è mormorato che la ninfa vivesse in un edificio in cui vengono relegati i sieropositivi (temendo che l’eventuale contagio mettesse in pericolo la riscossione dei loro onorari). Ora il semidio è rinchiuso in una gabbia d’oro e snocciola, nell’evacuazione, piccoli proiettili di saggezza acquisita in forma subitanea in cella di isolamento. Il Gran Can sa di averla fatta grossa stavolta e difatti la dea con cui teoricamente codivide il Talamo nuziale in questi giorni è nuvolosa e prima o poi lui sa che la vendetta lo saetterà ulteriormente.

Nel frattempo la Ninfa Feroce del Bronx si cela e si disp

era, nell’innocente sospetto di aver fatto qualcosa di sbagliato e continua a domandarsi cosa.

Nel Paese del Gran Can il furor di popolo incredulo si chiede, con innocente sospetto, se per caso ha fatto qualcosa di sbagliato e continua a domandarsi cosa.

Annunci

One comment

  1. L’esuberante virilità ai tempi del Viagra. Possibile sintesi di tutto l’accaduto, et voilà un altro vecchio trombeur con deterioramento cognitivo che credeva di essere a Villa Certosa, causa un attacco di labirintite.
    Ma di tutta la storia, ciò che mi fa arrabbiare di più è l’incredibile reazione di Martine Aubry e dei suoi colleghi del PS francese: non una parola sulla proletaria offesa (da cui proviene il loro bacino di voti). No, tutti in preda alla strenua difesa tribale del leader máximo, un pirla che come tutti gli altri finanzieri, capoccia di associazioni mondiali e non, ci hanno impantanato in una crisi da cui sa dio se usiremo. Con loro tra i piedi di sicuro no.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...