Il Cavaliere Ridens avendo superato di gran lunga il mezzo del cammin della vita sua ha subito già da tempo una metamorfosis rictus causata da un inceppamento di pastiglie blu nell’uretra. Una compressione continua a livello pelvico lo costringe a sorridere costantemente in quanto la tensione delle commessure delle labbra gli provoca un oto-rilassamento i cui influssi raggiungono i lombi e, circumnavigando lo scroto, hanno il potere di allentare flebilmente la tensione del “pennone” (usando un eufemismo accrescitivo per compassione). Questa condizione imbarazzante a dir poco raggiunge picchi di insostenibilità più o meno dopo la decima frase recitata a memoria di fronte alle masse; la crisi del soggetto è preceduta sempre da un sorrisino sardonico che i suoi collaboratori temono più delle armi nucleari, molti sono diventati incontinenti in seguito allo stress e non escono mai il mattino senza un pannolone di ricambio. Fatto il sorrisino, il Ridens protende le mani e tocca quel che può. Se la situazione non lo permette, tutto il riflusso erettile va a collidere con il cervelletto e di qui, come un enorme cazzotto, scombussola quei due o tre neuroni affabulatori spontanei e quel che segue può solo essere un disastro del tipo “Ma lei viene?” detto con la spalluccia in croisée, mano in posa mussolini (benito) sul leggio e occhio lascivo.

E poi viene la seconda parte della storia: la controparte.

Controparte nº1, modello “bindi“. All’esplosione di cazzate segue un sonoro ceffone come minimo verbale. Modello stranamente raro.

Controparte nº2, il rarissimo modello “ragazza al seggio elettorale“. La cazzata trionfale del Ridens riceve uno sguardo gelido e un “favorisca i documenti”. Encomiabile ed efficiente, dovrebbe tenere seminari a uso stampa non allineata al Ridens.

Controparte nº3, modello purtroppo diffuso “hostess di gheddafi“. Per un centone riesce a parcheggiare il cervello, impermeabilizzare le orecchie, vestirsi come nel primo atto di un film porno (quando ci sono quelle due o tre battute parlate) e quasi quasi a convertirsi a un’altra religione. Si lo so che è contraddittorio, ma è successo veramente.

Controparte nº4, modello “brava ragazza di periferia nei 15 minuti di notorietà“. Efficientissima, entra in contatto con Don Velina (altro nome del Ridens) e si perde un attimo, ha un’atrofia o viene ipnotizzata dalla “V”(di velina) formata dal parrucchino del Ridens e non solo non si accorge della sua figura di merda in diretta, ma vi prende parte attivamente. Seguono pianti, pentimenti, orgogli feriti, dichiarazioni e ritrattazioni varie fino all’inevitabile oblio almeno a livello nazionale (ma nel paesello e in azienda, sarà ben dura d’ora in avanti). Povera “brava ragazza di periferia nei 15 minuti di notorietà” ti abbiamo compatito, questo è certo, ma allo stesso tempo ci hai fatto pure incazzare, ti sei persa l’occasione d’oro del sonoro ceffone senza somigliare neppure lontanamente al modello “bindi“. Un ceffone da parte del popolo stanco e saresti stata incoronata Regina d’Italia cambiando il corso della nostra disgraziata storia. (n.z.b.)

http://video.corriere.it/berlusconi-imbarazza-signora-ma-lei-viene/21f0605c-73a7-11e2-9084-585ed48470f3

 

Photo by Craig Whitehead

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...