Euforia

Spagna, 28 aprile 2019. Si apre il grande sipario, si vota. Si intensificano le bandiere indipendentiste sui balconi catalani. Sicuramente su molti balconi spagnoli si saranno intensificate la bandiere spagnole. Pubblicità elettorale indiretta, chiaro. Ognuno tira l’acqua a quello che crede che sia il proprio mulino, poi verrà il momento delle cocenti delusioni. Potrebbe anche esistere il partito perfetto, con le promesse su misura per la Sora Marisa o per Pepe il pizzicagnolo, ma non esiste alcun partito in grado di applicare alla lettera le promesse elettorali. In questo spazio vago si muovono i greggi di follower del condottiero dalla mascella forte, quelli stanchi di fare scelte e che vogliono finirla una volta per tutte con tante storie: a comandare devono essere “quelli che sanno”, cioè quelli che hanno sempre vinto finora. Cioè? Cioè, stringi stringi, il maschio bianco. Quello che ha imposto la civiltà dove non c’era, il protettore della femmina, il padre severo ma equo per il tuo bene. L’uomo terra-terra che si nobilita con lo sport e che non disdegna i piaceri della tavola (amorevolmente imbandita dalla discreta femmina di cui sopra).

Un buon amico poco tempo fa mi disse che oggi come oggi si è smesso di difendere idee e che il dialogo sociale si è trasformato in un contenzioso tra hooligans. Definizione perfetta. Le afasie dei candidati quando si cerca di andare oltre la pestifera citazione delle statistiche la dicono lunga. Dopotutto è dagli anni ottanta che ha preso piede la concezione di ideologia come “brutta parola”, preferibilmente associata al comunismo, dichiarato definitivamente liquidato con la caduta del muro. Come sappiamo, tutte le cadute provocano cambi epocali delle nostre libertà; oltre a quella del muro di Berlino, cito “volentieri” quella delle torri gemelle che mi venne propinata, e non mento, anche come causa del ritardato pagamento di una fattura. Dunque una politica burocratica e spenta oggi raggiungerà il climax al momento dello spoglio, sorta di catarsi dopo l’indigestione di carote della campagna elettorale.

So già chi vincerà e cosa succederà. Rovino la sorpresa e dico: vinceranno tutti, persino quelli che prenderanno due voti. Tutti si precipiteranno sui microfoni di famelici giornalisti con sorrisi a cinquanta denti per dichiararsi soddisfatti e fiduciosi. Tutti “cominceranno a lavorare” per risollevare le sorti del Paese. I meno fortunati dichiareranno che ci sono state delle frodi elettorali e, se i numeri lo permetteranno, che faranno una costruttiva opposizione. Quelli che non avevano manco un seggio e ne conquisteranno uno andranno in brodo di giuggiole e vaticineranno un futuro radioso in cui di seggi ne avranno duecento. I numericamente superiori si recheranno tronfi e pasciuti alla conferenza stampa, sbaciucchiando mogli e mariti e dedicando la vittoria a qualche defunto di loro gradimento. Non dimentichiamo gli intermedi, quelli del sei politico elettorale, che dovranno finalmente pronunciarsi sulle alleanze e che verranno pregati dai loro consulenti di continuare a tenere le bocche cucite, almeno per stasera.

Scendendo in strada, eccoli gli hooligans veri e propri. Eccoli quelli che sventolano le bandierine, sparano i bengala e gridano oscenità per festeggiare la vittoria. Anche i più puritani si concederanno qualche parolaccia e spareranno un modesto mortaretto, mentre gli sfrontati di sempre faranno di tutto per eccellere nella nobile arte del festeggiamento, travolgendo bellamente il senso civico, tanto a Carnevale ogni scherzo vale. Poi il carrozzone elettorale si fermerà e, lasciata la festa alle spalle, si faranno le pulci a ogni mossa del nuovo Governo e chi era contro qualcosa o qualcuno, tornerà a vivere nell’amarezza e nel rancore, sviluppando uno hooliganismo da combattimento. Chi invece era a favore chiederà di “dare tempo al tempo” e svilupperà uno hooliganismo difensivo. Una volta le dispute si sarebbero svolte al bar o all’università, oggi su Twitter, ovvio.

Non ho altro da dire, sul serio. (n.z.b.)

Testo: Nadia Zamboni Battiston

Photo by Randy Colas on Unsplash

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Raiawadunia

Cittadini del Mondo

Viviana Chinello

psicologa psicoterapeuta sessuologa specialista in EMDR

Las cosas que me hacen feliz

Sketch y dibujos rápidos de las cosas que me gustan

Ridere... senza malinconia

A piangere si fa sempre in tempo!

I LIBRI DEGLI ALTRI

l'editing è uno stile di vita

AVM TRANSLATIONS

Argomenti e Servizi di Traduzione e Scrittura - Free-lance Translator

the smARTraveller blog ✈

dedicated to all of you who love and live for travelling

próxima salida, MARRAKECH

Cultura, historia y sociedad de Marruecos

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

CAN X L'AIA ti strappa un sorriso... e poi ci mette una toppa!

...SI PUBBLICA OGNI GIORNO NEL PRIMO POMERIGGIO

Triskel182

La libertà è il diritto dell'anima di respirare.

riccardo pocci

www.riccardopocci.com

You should be dancing!

A dialogue with performing arts

Acid Valley Magazine

Something must be done

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: